7 luglio 2016, dopo cinque anni di buio a Flumeri si accende l’insegna di Industria Italiana Autobus.

Si è svolta stamattina, presso lo stabilimento IIA ex Irisbus di Flumeri (AV) la cerimonia di accensione della nuova insegna aziendale.

Un’insegna importante, perché proprio cinque anni fa, il 7 luglio 2011, lo stabilimento  Irisbus chiudeva.

Oggi, a seguito dell’approvazione del finanziamento da parte di Invitalia, in IIA è il momento di iniziare i lavori di ristrutturazione utili alla messa in funzione della fabbrica più grande mai esistita nl nostro Paese per la produzione di autobus. Non si tratta quindi soltanto dell’accensione di un’insegna o della riapertura di uno stabilimento. Si tratta di un progetto più ambizioso:  far tornare l’Italia protagonista a livello europeo nel settore del trasporto persone su gomma.

Alla tradizione, alla storia e al know how di Flumeri si uniranno infatti gli investimenti in qualità, ricerca e sviluppo. A lavori ultimati, lo stabilimento, che copre un’area totale di 975.000 mq, sarà in grado di produrre 1500 mezzi nuovi l’anno.

“Oggi finalmente possiamo dire di essere Industria Italiana Autobus. E’ un piacere essere qui con voi, con chi ha creduto, con chi ha lottato, anche con chi ha fatto finta di lottare e chi ha avuto sempre dubbi. E’ la vostra festa” ha dichiarato Del Rosso rivolgendosi ai dipendenti durante la cerimonia che ha avuto luogo nella mensa aziendale.

Al tavolo con Del Rosso anche il sindaco di Flumeri Angelo Lanza, il deputato Luigi Famiglietti e l’assessore regionale Amedeo Lepore, che ha ringraziato i lavoratori e i promotori  dell’operazione che ha portato al compimento di IIA, Claudio De Vincenti e Giampietro Castano.

IIA si aggiudica la gara per i 47 minibus di ACAM

IIA è lieta di annunciare l’aggiudicazione di 47 minibus oggetto della gara indetta dalla ACAM (Agenzia Campana per la Mobilità Sostenibile) destinati al servizio di linea in Regione.

Si tratta di 47 Padane 6,8 U. I veicoli, da 6.8 m in Classe I, saranno i primi prodotti a marchio Padane di IIA. L’allestimento prevede apparati di bordo di tipo “Intelligent Transport System” per il monitoraggio dei servizi di trasporto collettivo e consente l’accesso ed il trasporto di passeggeri a ridotta capacità motoria, comprese le persone su sedie a rotelle, in conformità alle prescrizioni tecniche delle Direttive Europee.